Con il patrocinio del Master Death studies & the end of life,
della Federazione Cure Palliative e della Società Italiana di Cure Palliative

TUTTO È VITA
GIORNATE DI STUDIO
IN ACCOMPAGNAMENTO SPIRITUALE NELLA MALATTIA E NEL MORIRE

Un percorso formativo per prepararsi alla morte e alla vita.
E saper accompagnare anche professionalmente

L’iniziativa è inserita nel percorso regionale per l’attivazione dei crediti ECM. Per il rilascio dell’attestato e l’attribuzione dei crediti suddetti è necessaria la frequenza del 90% delle ore totali del percorso, il superamento delle prove di apprendimento previste entro 72 ore dal termine dell’evento; e la compilazione del questionario della Qualità Percepita on line, entro 14 giorni dal termine dell’edizione.

PROFESSIONI ACCREDITATE

Medico chirurgo, Odontoiatra, Farmacista, Veterinario, Psicologo, Biologo, Chimico, Fisico, Assistente sanitario, Dietista, Educatore professionale, Fisioterapista, Igienista dentale, Infermiere, Infermiere pediatrico, Logopedista, Ortottista/assistente di oftalmologia, Ostetrica/o, Podologo, Tecnico audiometrista, Tecnico audioprotesista, Tecnico della fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare, Tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro, Tecnico della riabilitazione psichiatrica, Tecnico di neurofisiopatologia, Tecnico ortopedico, Tecnico sanitario di radiologia medica, Tecnico sanitario laboratorio biomedico, Terapista della neuro e psicomotricita’ dell’eta’ evolutiva, Terapista occupazionale.

Prima parte (autunno)
Accreditata con 50 crediti ECM

Ore 08:50
Introduzione al percorso
G. Bormolini
Ore 09:00
Premesse sull’accompagnamento nel fine vita
Relazione G. Bormolini
Ore 10:00
Vademecum per l’operatore sanitario. Orientarsi nella spiritualità in campo sanitario
Relazione P. Liva
Ore 11:00
I tipi umani come modello di riferimento nella relazione di aiuto. I diversi approcci alla spiritualità
Relazione G. Bormolini
Ore 12:00
Le recenti ricerche sul potere modellante sul genoma umano. La spiritualità nella relazione di cura
Relazione N. Petrini
Ore 12:45 Confronto/dibattito tra pubblico ed esperto guidato
Ore 13:00-14:00 Pausa pranzo

Ore 14.00
Prospettive di indagine in tanatologia. Cambiare lo sguardo sulla vita e sulla morte
Lavori in gruppo – G. Bormolini, A. Ghinassi
Ore 15:00
Sviluppare strategie efficaci di consapevolezza per affrontare la morte.
Lavori in gruppo – G. Bormolini, A. Ghinassi
Ore 17:45 Conclusioni
Ore 18:00 Chiusura dei lavori

Ore 09:00
La paura della morte, relazioni e crescita
Relazione A. Ghinassi
Ore 10:00
Presenza e contatto nel vivere e nel morire
Relazione B. Carrai
Ore 11:00
Tecniche per la preparazione personale all’accompagnamento nel fine vita
Relazione G. Bormolini
Ore 12:00
L’importanza degli aspetti corporei nell’accompagnamento
Relazione D. Messeri
Ore 12:45 Confronto/dibattito tra pubblico ed esperto guidato
Ore 13:00-14:00 Pausa pranzo

Ore 14:00
Strumenti pratici per gli operatori, per potenziare la capacità di ascolto di sé stessi e degli altri
Lavori in gruppo – G. Bormolini, A. Ghinassi, B. Carrai, D. Messeri
Ore 16:45 Conclusioni
Ore 17:00 Chiusura dei lavori

Ore 09:00
La relazione interpersonale nel fine vita. La morte come dono.
Relazione M. Mannocci
Ore 10:15
La comunicazione nel lutto e nella malattia. Comunicare con il cuore.
Relazione M. Mannocci
Ore 11:30
Dalla comunicazione con sé stessi alla comunicazione con l’altro. Una nuova immagine per il fine vita.
Relazione B. Mazzocchi
Ore 12:45 Confronto/dibattito tra pubblico ed esperto guidato
Ore 13:00-14:00 Pausa pranzo

Ore 14:00
La comunicazione applicata all’accompagnamento del paziente e del familiare.
Lavori in gruppo – M. Mannocci, B. Mazzocchi, C. Simoncini
Ore 17:45 Conclusioni
Ore 18:00 Chiusura dei lavori

Ore 09:00
Introduzione alle cure palliative.
Relazione B. Carrai
Ore 10:15
L’ analisi dei bisogni multidimensionali del malato. Comunicare con il cuore.
Relazione C. Todaro
Ore 11:30
Criticità nella cura della dimensione spirituale nelle unità di cure palliative sul territorio italiano
Relazione B. Carrai
Ore 12:45 Confronto/dibattito tra pubblico ed esperto guidato
Ore 13:00-14:00 Pausa pranzo

Ore 14:00
Il movimento degli hospice e le cure palliative territoriali
Lavori in gruppo – G. Bormolini, A. Ghinassi, B. Carrai, D. Messeri, P. Liva, C. Simoncini, C. Bruni
Ore 17:45 Conclusioni
Ore 18:00 Chiusura dei lavori

Ore 09:00
Parlare della morte e della malattia ai bambini. Strumenti pratici di comunicazione efficace
Relazione A.P. Pecci
Ore 10:15
La rappresentazione della morte in età evolutiva
Relazione C. Zaggia
Ore 11:30
Adolescenza, comportamenti a rischio e death education
Relazione D. Messeri
Ore 12:45 Confronto/dibattito tra pubblico ed esperto guidato
Ore 13:00-14:00 Pausa pranzo

Ore 14:00
Il lutto anticipatorio negli adolescenti e nei bambini con malattie oncologiche
Lavori in gruppo – A.P. Pecci, D. Messeri, A. Ghinassi, A. Torresan, G. Fagnani, C. Bruni
Ore 15:15
Cordoglio e lutto nei bambini: il metodo narrativo
Lavori in gruppo – A.P. Pecci, D. Messeri, A. Ghinassi, A. Torresan, G. Fagnani, C. Bruni
Ore 16:00
Argomentazioni bioetiche in ambito pediatrico
Lavori in gruppo – A.P. Pecci, D. Messeri, A. Ghinassi, A. Torresan, G. Fagnani, C. Bruni
Ore 17:45 Conclusioni
Ore 18:00 Chiusura dei lavori

Ore 09:00
Accompagnamento dei bambini e dei familiari di fronte alla malattia
Relazione C. Zaggia
Ore 10:15
L’elaborazione del vissuto di malattia nei bambini e negli adolescenti
Relazione A. Ghinassi
Ore 11:30
La terapia del sorriso: efficacia ed applicazione dell’approccio non farmacologico al paziente pediatrico
Relazione A. Oristano
Ore 12:45 Confronto/dibattito tra pubblico ed esperto guidato
Ore 13:00-14:00 Pausa pranzo

Ore 14:00
Presa in carico delle famiglie: il lutto anticipatorio dei genitori
Lavori in gruppo – A. Ghinassi, C. Zaggia, A. Oristano, A. Torresan, G. Fagnani, C. Bruni
Ore 15:15
Medicina narrativa e accompagnamento pediatrico
Lavori in gruppo – A. Ghinassi, C. Zaggia, A. Oristano, A. Torresan, G. Fagnani, C. Bruni
Ore 16:00
Oltre la tecnica: gestione delle emozioni dell’operatore e dei familiari
Lavori in gruppo – A. Ghinassi, C. Zaggia, A. Oristano, A. Torresan, G. Fagnani, C. Bruni
Ore 16:45 Test di apprendimento
Ore 17:00 Chiusura dei lavori

Seconda parte (primavera)
In fase di accreditamento

Programma in elaborazione, può ancora subire variazioni

Ore 09:00
Blocchi relazionali e dinamiche intrapersonali per il vissuto dell’operatore
Relazione G. Bormolini
Ore 10:00
Le tipologie di relazione di aiuto e la comunicazione con sé stessi e con gli altri
Relazione A. Ghinassi
Ore 11:00
Le emozioni come risorsa nella relazione d’aiuto
Relazione S. Milanese
Ore 12:00
Prevenzione del burn out dell’operatore. La spiritualità come fattore protettivo per il care giver
Relazione G. Bormolini
Ore 12:45 Confronto/dibattito tra pubblico ed esperto guidato
Ore 13:00-14:00 Pausa pranzo

Ore 14.00
Tecniche di self help nella relazione d’aiuto: individuazione delle emozioni, gestione dei vissuti, acquisizione di strumenti protettivi
Lavoro a piccoli gruppi Milanese S., G.Bormolini, Ghinassi, Messeri
Ore 17.45 Discussione in plenaria e conclusioni
Ore 18.00 Chiusura dei lavori

Ore 09:00
Introduzione ai tipi umani: carattere e personalità nella relazione di cura
Relazione M. Pizzetti
Ore 10:00
Modalità comunicative per comunicare efficacemente
RelazioneM. Pi zzetti
Ore 11:00
Relazione di aiuto: tipologie di bisogni, motivazioni, emozioni
Relazione M. Pizzetti
Ore 12:00
Strumenti di comprensione di sé e dell’altro per la qualità della relazione di aiuto
Relazione M. Pizzetti
Ore 12:45 Confronto/dibattito tra pubblico ed esperto guidato
Ore 13:00-14:00 Pausa pranzo

Ore 14.00
Aspetti relazionali e comunicativi, analisi dei bisogni nella relazione di cura
Lavoro a piccoli gruppi M. Pizzetti
Ore 16.45 Discussione in plenaria e conclusioni
Ore 17.00 Chiusura dei lavori

Ore 09:00
Elaborazione della paura nella relazione d’aiuto
Relazione Olianti S.
Ore 10:00
Empowerment di fronte al dolore
Relazione G. Bormolini
Ore 11:00
Conflitto e rabbia come risorsa possibile nell’esperienza di malattia e nell’accompagnamento
Relazione Milanese R.
Ore 12:00
Emozioni e tecniche di self help
Relazione Milanese R.
Ore 12:45 Confronto/dibattito tra pubblico ed esperto guidato
Ore 13:00-14:00 Pausa pranzo

Ore 14.00
Prendersi cura delle emozioni dell’operatore, tecniche di self-help
Lavoro a piccoli gruppi Milanese R., Milanese S.
Ore 16.45 Discussione in plenaria e conclusioni
Ore 17.00 Chiusura dei lavori

Ore 09:00
Gli studi neuroscientifici sul costrutto multidimensionale di forgiveness
Relazione M. R. Lombrano
Ore 10:00
La prospettiva dei modelli processuali del costrutto multidimensionale di forgiveness per i care-giver
Relazione G. Bormolini
Ore 11:00
La ridefinizione dell’identità personale per il paziente e i familiari nel percorso di malattia
Relazione M. R. Lombrano
Ore 12:00
Dinamiche interpersonali e relazionali nell’esperienza di malattia
Relazione S. Olianti
Ore 12:45 Confronto/dibattito tra pubblico ed esperto guidato
Ore 13:00-14:00 Pausa pranzo

Ore 14.00
Studio delle dinamiche del processo di forgiveness e conseguente rielaborazione e appropriazione individuale
Lavoro a piccoli gruppi G. Bormolini, M. R. Lombrano, A.Ghinassi
Ore 17.45 Discussione in plenaria e conclusioni
Ore 18.00 Chiusura dei lavori

Ore 09:00
Introduzione metodologica al tema del lutto e gli aspetti di comunicazione per i caregiver formali e informali
Relazione G. Bormolini
Ore 10:00
Elaborazione del lutto e lutto complicato. Modelli teorici a confronto
Relazione A. Ghinassi
Ore 11:00
Criticità e risorse nella comunicazione e nel sostegno al lutto
Relazione B. Carrai
Ore 12:00
Strategie di coping nel sostegno al lutto traumatico
Relazione G. Bormolini
Ore 12:45 Confronto/dibattito tra pubblico ed esperto guidato
Ore 13:00-14:00 Pausa pranzo

Ore 14.00
Strumenti per operatori, per la valutazione, il trattamento ed il sostegno al lutto
Lavoro a piccoli gruppi G. Bormolini, B. Carrai, A. Ghinassi, D. Messeri
Ore 17:45 Discussione in plenaria e conclusioni
Ore 18.00 Chiusura dei lavori

Ore 09:00
Il significato della sofferenza e della malattia
Reazione G. Bormolini
Ore 10:00
Modelli di comunicazione nell’attribuzione di significato al percorso di malattia in un’ottica inter-culturale. Modelli culturali a confronto
Relazione A.Ghinassi
Ore 11:00
L’approccio narrativo nel percorso di malattia
Relazione A. Ghinassi
Ore 12:00
Percorsi comunicativi e resilienza all’interno del vissuto di sofferenza
Relazione G. Bormolini
Ore 12:45 Confronto/dibattito tra pubblico ed esperto guidato
Ore 13:00-14:00 Pausa pranzo

Ore 14.00
Resilienza ed esperienza di malattia
Lavoro a piccoli gruppi G. Bormolini, A. Ghinassi, D. Messeri, B.Carrai
Ore 16:45 Discussione in plenaria e conclusioni
Ore 17.00 Chiusura dei lavori

Ore 09:00
Metodologia del dialogo interreligioso applicata ai contesti di cura. L’incontro con l’altro
Relazione G. Bormolini
Ore 10:00
Il dialogo interculturale per l’operatore sanitario: aspetti di relazione e comunicazione
Relazione G. Bormolini
Ore 11:00
Indicazioni per gli operatori sanitari su desideri e necessità del morente nelle diverse religioni
Relazione G. Bormolini
Ore 12:00
L’aspetto relazionale e la compartecipazione dell’operatore nel processo di elaborazione del lutto del paziente
Relazione G.Bormolini
Ore 12:45 Confronto/dibattito tra pubblico ed esperto guidato
Ore 13:00-14:00 Pausa pranzo

Ore 14.00
La comunicazione efficace medico-paziente-caregiver. Come rilevare bisogni spirituali
Lavoro a piccoli gruppi G. Bormolini
Ore 17:45 Discussione in plenaria e conclusioni
Ore 18.00 Chiusura dei lavori

Ore 09:00
L’importanza degli aspetti corporei e della comunicazione non verbale nella relazione con il paziente nel fine vita
Relazione G. Bormolini
Ore 10:00
Near death experience e coscienza
Relazione N. Petrini
Ore 11:00
Prospettive di accompagnamento multiculturale e multireligioso nel fine vita
Relazione G. Bormolini
Ore 12:00
Medicina narrativa per l’elaborazione emotiva nel fine vita
Relazione N. Petrini
Ore 12:45 Confronto/dibattito tra pubblico ed esperto guidato
Ore 13:00-14:00 Pausa pranzo

Ore 14.00
La preparazione personale per accompagnare al fine vita. Le tecniche tradizionali in occidente e l’approccio attuale interculturale
Lavoro a piccoli gruppi G. Bormolini
Ore 16:45 Discussione in plenaria e conclusioni
Ore 17.00 Chiusura dei lavori

Ore 09:00
Aspetti di comunicazione interpersonale e interculturale a fronte delle nuove esigenze nel fine vita
Relazione G. Bormolini
Ore 10:00
Analisi dei bisogni e comunicazione nella relazione tra equipe e familiari
Relazione B. Carrai
Ore 11:00
Tecniche di base per accrescere la resilienza dell’equipe sanitaria
Relazione D. Messeri
Ore 12:00
Prevenzione del burn out nella formazione dell’operatore
Relazione B. Carrai
Ore 12:45 Confronto/dibattito tra pubblico ed esperto guidato
Ore 13:00-14:00 Pausa pranzo

Ore 14.00
Analisi di casi su aspetti relazionali e comunicativi e su aspetti riferibili alla dimensione emozionale degli operatori dell’èquipe di cura
Lavoro a piccoli gruppi G. Bormolini, A. Ghinassi, D. Messeri
Ore 17:45 Discussione in plenaria e conclusioni
Ore 18.00 Chiusura dei lavori

Ore 09:00
La presa in carico globale del paziente
Relazione G. Bormolini
Ore 10:00
Modalità di coping di fronte alla sofferenza nella malattia
Relazione A. Ghinassi
Ore 11:00
L’assistente spirituale in hospice. dalla ricerca all’esperienza sul campo in una realtà delle cure palliative in Toscana
Relazione B. Carrai
Ore 12:00
Attribuzione di senso e comunicazione nel fine vita per gli operatori sanitari
Relazione G. Bormolini
Ore 12:45 Confronto/dibattito tra pubblico ed esperto guidato
Ore 13:00-14:00 Pausa pranzo

Ore 14.00
Death education come promozione della salute: prospettive di ricerca e applicazioni pratiche
Lavoro a piccoli gruppi G. Bormolini, A. Ghinassi, B.Carrai
Ore 16:15 Prova di apprendimento
Ore 16:45 Discussione in plenaria e conclusioni
Ore 17.00 Chiusura dei lavori

Provider Accreditamento crediti ECM
Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi
Referente evento Sara Casamonti – Anna Lunardini
casamontis@aou-careggi.toscana.it – lunardinia@aou-careggi.toscana.it
Tel. 055/7949112 – 6087